SONO APERTE LE ISCRIZIONE PER LA NOSTRA SCUOLA DI TEATRO 2020/2021.

Per chi non ci conosce…
vi raccontiamo il nostro METODO!

 Tutti i corsi de Lagattaturchina sono caratterizzati dalla presenza di una storia, una narrazione presa in prestito dalla grande letteratura mondiale o in particolare dalla letteratura teatrale che accompagna tutto il laboratorio fino a trovare espressione nello spettacolo finale. Ogni storia viene scelta accuratamente in base all’età dei partecipanti e quasi sempre viene rivisitata in una chiave originale, sia per venire incontro alle esigenze dei vari gruppi, sia perché a noi de Lagattaturchina piace confrontarci con i grandi capolavori, ma ci piace anche lasciare una nostra personalissima “zampata”! Le vicende, i personaggi, il linguaggio utilizzato nelle varie storie affrontate costituiscono lo stimolo per proporre ad ogni lezione, giochi e esercizi teatrali che vanno a sollecitare i diversi aspetti del training attoriale: ascolto, gestione dello spazio, utilizzo del corpo, del gesto e del movimento, utilizzo della voce, creazione del personaggio, improvvisazione, interpretazione. In base all’età degli allievi, questi argomenti vengono più o meno approfonditi, in tutti i corsi però vengono trattati in modo giocoso, affinché il momento del laboratorio teatrale sia prima di tutto un momento piacevole, di condivisione e stimolo per la creatività, senza alcuna ansia da prestazione. Lagattaturchina, impegnata dal 2002 sul fronte della didattica teatrale, sia all’interno e al di fuori delle scuole, ha infatti come obiettivo principale quello di impostare un lavoro in cui le premesse fondamentali siano il rispetto dell’altro, l’affiatamento del gruppo e il benessere di ogni partecipante. Riteniamo che solo su tali basi si possa serenamente impostare un lavoro creativo genuino, ma anche approfondito e di qualità.

 

SCUOLA DI TEATRO MONTESACRO

PER IL PROGRAMMA 2020 – 2021 CLICCA QUI

SCUOLA DI TEATRO CINECITTA’

PER IL PROGRAMMA 2020 – 2021 CLICCA QUI

Novità

Rassegna teatrale finanziata con contributo della Regione Lazio

Buio in sala …Diritti in scena
Anche io ho diritto a scoprire, socializzare e giocare

Gli spettacoli:

Venerdì 18 settembre ore 19.00
“Ridi che ti passa” — Il diritto al gioco

Liberamente tratto da “Il Gigante egoista” di Oscar Wilde
con Giuseppe Mortelliti e Alessio Sapienza
produzione Lagattaturchina

Capitato per caso nel giardino di un signore burbero e scostante, un bambino si imbatte in una bizzarra statua parlante. Sarà lei a rivelargli che l’intero giardino è vittima di un incantesimo che impedisce al suo padrone di essere felice. L’incantesimo svanirà solo quando un bambino riuscirà a riportare il sorriso sul volto di quel signore così antipatico.
Una vivace, colorata e divertente riscrittura della famosa favola di Oscar Wilde, per raccontare ai bambini l’importanza di saper accettare gli scherzi e ridere di se stessi.

 

 Sabato 19 settembre ore 19.00
“La festa più bella” – – il diritto al nome, alla casa, alla famiglia, alla salute

Un viaggio tra le fiabe per parlare ai bambini dei loro diritti
Drammaturgia e regia Violetta Rogai
con Giulia Cavallo e Giovanni Solinas
produzione Lagattaturchina

La regina Gioconda adora le feste, tanto che ha istituito una ricorrenza per ogni giorno dell’anno. Così nel suo regno si celebrano il giorno dei colori, dell’allegria, degli orsetti di peluche, del pane burro e marmellata, la festa dei calzini spaiati, delle dita nel naso, delle caramelle gommose e persino la festa dei capricci! Ma un brutto giorno, guardando il calendario, si accorge che è rimasto un giorno in cui non ha nessuna occasione per festeggiare. Per trovare al più presto una soluzione a questo problema chiama il suo fedele servitore Teodoro e gli affida un compito importantissimo: inventare al più presto una nuova festa! Teodoro è disperato, il suo non è un compito facile… e così decide di chiedere aiuto ai personaggi delle fiabe che raggiungerà grazie a un ascensore magico che lo farà viaggiare da una storia all’altra.

 

Domenica 20 settembre ore 16.00
“Arlecchino e l’elefante, un’amicizia a colori”– Il diritto alla diversità e all’amicizia

Liberamente ispirato a “Elmer, l’elefante variopinto” di D. Mckee
Drammaturgia e regia Violetta Rogai
con Vincenzo Ciardo e Vincenzo De Luca
produzione Lagattaturchina

Cosa accade se in una foresta si incontrano un elefante dal manto variopinto, stanco di sentirsi diverso, e un Arlecchino malinconico perché non ha il vestito giusto per la grande festa di Carnevale? Attraverso le loro buffe vicende, si indagherà sull’importanza dell’apparire e dell’essere. L’amicizia tra questi due bizzarri personaggi dimostrerà quanto nei rapporti umani le diversità siano una ricchezza più che una discriminante

PER INFO E PRENOTAZIONI:
06/45494308  – 06/45497447
info@gattaturchina.it
(Posti limitati…affrettatevi a contattarci!)

 

 

P.S. Al termine di ogni spettacolo, i bambini potranno interagire con gli artisti, ponendo domande e riflessioni